.
Annunci online

ciromonacella
'o munaciello


Diario


10 dicembre 2007

giusto per chiarire

Stanotte ho sete. Voglio che scorra sangue. E non ho sete. Quando scrivevo così non lo facevo per spirto polemico, ne per guadagnarmi un facile appoggio. Lo scrivevo perché l’invasione di questi filmacci toglie spazio vitale ad est, a nord est di Napoli, che occorrerebbe quel certo tedesco per ridar vigore morale al nostro branco di molli lattofili peninsulari. Qui attorno sono spariti i cinema, c’è un paio di multisale con gli schermi da giocarci una partita di basket, o pure lenzuola buone per quella fase spropositata del Gulliver. Ma la regola del multisala è la scarsa differenziazione dell’offerta, l’omologazione, il prodotto che non scontenti, che non azzardi. Piatto. Perciò tutte le luci e i manifesti, per alluccunire. Allora succede che il film che vuoi vedere – t’è venuto così, c’era anche dell’altro di accettabile ma tu hai scelto quello, lo vuoi vedere per seguire un discorso sospeso, un appuntamento concordato con un regista, proprio quello lì, giusto per vedere se ha imbroccato davvero e in via definitiva il sentiero sbagliato o se sono cose, sono scelte che capitano come quella fottuta volta che fottesti senza tappo…

Dicevo, il film che vuoi vedere lo danno in una sola sala: sola! Una sola sala che è anche una sola cioè, un rettangolo strettissimo e lunghissimo con incalcolabile numero di file per cinque massimo sei posti l’una, che c’entri da sotto lo schermo e laggiù, verso il fondo della sala, è una chimera di nero che dubiti possa avere fine il corridoio e temi a lanciarci l’occhio per paura che non torni con l’immagine. Poi per il parcheggio qui a Napoli, e in quella zona di quella sola sala sola (dove arrivano tutti i ricchi e i ricchioni della provincia a far compere per riempirsi le palle quando saranno messi all’ingrasso sotto a quegli abeti sradicati), c’è bisogno di scommettere, d’auspicare il terremoto. Ma non finisce qui: andiamo dentro al cinema: se il film che vuoi vedere lo danno in una sola sala – indipendentemente che sia sola o no – a fronte del gran numero di possibili spettatori della provincia, succede che pur se in perfetto orario devi beccarti una poltrona in prima fila. Lo schermo è alto, lassù, come cometa lavativa, come madonnina che appare ma resta celestemente appigliata alla gonnella del padreterno. Un film che vedi col collo, di collo, con la vertebrale attorcigliata e flessa, le pupille che evitano le lenti poiché s’alzano oltre il concepito, e la pipì che non vai a fare per paura di beccarti uno strappo alla cervice tanto stai incriccato fra le stoffe. Ah, ghigliottina bell'!
 
Munacell


5 luglio 2007

L'arte del sogno

(vivamente, e con giustezza, consigliatomi da Big Esp.)

 

C’è questo tizio che fa dei sogni talmente nitidi da proiettarne le ombre colorate sulla sua vita. Il tizio è una gran bella faccia messicana (quello di Amoresperros e CheGuevara in motorbike) che sta a dovere nella realtà francese. S’innamora, ma i sogni lo ostacolano. Poi la donna ha una fantasia inceppata nelle cose di cuore, e non lo aiuta – fa parte di un lieve cameratismo machista che condivido additare la donna quando le cose non vanno, abbiate pazienza. Comunque i sogni sono invadenti con questo ragazzo. Si direbbe che lo imprigionano facendolo felice pur se in degradazione. Ma il finale è aperto, cioè come l’inizio si svolge nel sogno, solo che per dove si lascia la realtà ci sono buone premesse per il lieto fine.

La narrazione è delicata, senza personaggi esterni che siano coinvolti inutilmente: ciascuno porta del suo, pochi giri, poche esterne, tre soli interni. Mingherlino, parrebbe. E invece no! A scombussolare arriva il grasso panzone del sogno, ed è meraviglioso vedere quanto potenziale ancora abbia il cinema senza ricorrere ai trucchi dei ricchi. L’acqua, ad esempio, è più che sufficientemente onirica se fatta di cellofan trasparente! E gli scenari non ti dico: città come cartoni, e il volo nel sogno che è esattamente come nel sogno lo si vive (ho esperienza del caso): di poco cioè più leggero che sott’acqua. Poi è grazioso il fatto che questa storia d’amore viva in simpatia con l’idea di costruire su uno scaffale una barca che veleggia in mare grazie al vento che soffia nei rami degli alberi. Sì perché c’è una foresta nella barca. Utopia. Amore. Forzare la natura in quattro legni. Dominarla. Solo per poterci naufragare.

In sintesi questa è una commedia coi fiocchi. I dialoghi sono pimpanti e alcuni temi si lambiscono con la giusta tenuità. Un paio di personaggi sono irresistibili, e la donna (che poi è quella di Nuovomondo) si lascia scappare di bocca che occorre l’arte per ricreare disordine e casualità, perché l’ordine a un certo punto comunque spunta fuori. Ecco, io credo che la sceneggiatura stesse parlando della realizzazione del film, del programma. E mi sento d’aggiungere che qui arte c’è stata.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. l'arte del sogno bernal cinema

permalink | inviato da ciromonacella il 5/7/2007 alle 14:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


16 giugno 2007

INLAND EMPIRE

 

A gentile richiesta ripropongo ciò che ho scritto sull’ultimo di Lynch alcuni mesi fa. Ieri ho rivisto il film. Nella recensione per libmag c’era un mondo, fra i vari, che mi pareva più attendibile. Allora…

Oggi almeno altri due sono attendibili e fumosi quanto quello. Il punto è che al contrario di Mulholland e Lost Highways, dove i salti sono individuabili e ricomponibili, qui c’è impero. Dove c’è impero non resta altro che non sia parte dell’impero stesso, e non c’è ribellione che non venga soffocata. Soffocata. Segue che ogni ricostruzione lineare è volutamente, dichiaratamente, ingannata dalla successiva sequenza. Non è un caso e non è un disordine. Questa rincorsa ha un senso che non va riscontrato sulla trama ma sulla nostra parte che fa da interlocutrice. Anche il finale ha una rivelazione inaspettata, che però poi scivola in una ulteriore e altra rivelazione che annienta ciò che già s’era annientato. Tutto si smonta, ma tutto nell’impero esiste perché già, già si è impero.

La mia sensazione è che – al di là del modo, che è descritto sotto – Lynch abbia creato un meccanismo chiuso che spinga, in sequenza, al cinema… al superiore… all’alto… al dentro.

Buona lettura.



L’opera di Lynch si fregia di una gemma oggi rara quanto preziosa: la lunga scadenza. Nell’odierno panorama cinematografico pare essere uno dei pochi, se non l’unico, ad avere puro in mente un percorso comunicativo assolutamente proprio e una perenne indagine con esso espressa. E la tenacia con cui ricerca i suoi esiti fa del suo lavoro, per quanto particolare questo sia, una sorta di specchio in cui lo spettatore impara a conoscere sé più che il film. Ecco quindi un cinema all’indentro – inland – che smonta il predominio dei sensi esteriori proiettando i personaggi e il pubblico in anfratti poco reali, postriboli di coscienza in cui la luce diventa un inganno costante, e i suoni e le parole sono mostri dai labilissimi contorni, che con la loro infedeltà generano un grido disperato verso l’ottundimento della percezione. Ed è appunto per il suo scheletro di carta che questo cinema può essere con facilità tacciato di tensione alla scappatoia del non-sense, trascurando però, in tal modo, quella precedenza che va riconosciuta alla parola del regista che, in questo come in molti dei suoi precedenti film, non pretende assolutamente di raccontare. Ma di invitare all’intuizione.

 

La narrazione procede lineare per frammenti di pellicola progressivamente sempre più brevi, fino a dividersi con maggior nettezza in due tronchi principali disgiunti nel culmine di quella che nel regista è costante e feconda ombra: l’esperienza sessuale. Si può sunteggiare la trama iniziale così: un’attrice (interpretata da Laura Dern) ottiene il ruolo di protagonista per il film “I giorni bui del domani”, remake di un precedente progetto che per cause funeste non fu portato a termine. Ma nelle pieghe del film nel film la protagonista scopre qualcosa di misterioso in cui si smarrisce, e che inizia a rivelarsi in uno sdoppiamento sul set con accavallamento temporale. E’ attraverso il sesso, nell’approssimarsi all’estasi orgasmica, che la protagonista giunge a quella verità più profonda, a quell’ingresso nascosto che la proietta in una realtà parallela dominata dall’ossessiva ricerca del perduto, o del non ancora raggiunto. Lo spettatore partecipa alla caccia sospinto, e sorretto, da un bombardamento d’immagini senza successivi fini palesi che produce la sensazione di un quasi approdo, immediatamente tradito, e irrimediabilmente da ricominciare. Pressoché da subito viene meno la certezza del rappresentante di sé nella pellicola poiché i personaggi slittano di continuo gli uni negli altri, demolendo i perni dell’espansione spazio-temporale, e arricchendosi di sfumature caratteriali che non possono essere spiegate se non con l’aggiunta di personificazioni di sogni, incubi, desideri e paure.

Cosa cerca l’attrice? Dove è diretta e perché? Il burocrate nella torre – personaggio kafkiano nel suo tacere le risposte senza dar peso al silenzio – parla di “cavallo che torna alla sorgente” innescando il motivo del ritorno a ciò da cui, volendo attenersi alla metafora fluviale, ci si abbevera prima di andare. “Tornare alla sorgente” è dunque il fine del film e la fine della donna, che asciugherà con la sua sparizione la lacrima di un’altra sé, in un altro suo mondo.

 

Il fascino del percorso verso l’origine, o verso la conclusione (che paiono coincidere in Lynch come accadeva anche in Lost Highways) sta nella corsa per nulla corrente, singhiozzata dall’unico omicidio degno di testimonianza che è quello del tempo, da cui consegue la soggettività degli spazi e la dittatura del pensiero sconnesso. Proprio nella torre, che si tramuta agevolmente in un congeniale (all’autore) albergo, campeggia un grosso orologio che sintetizza tutti i precedenti riferimenti agli orari, riferimenti che parrebbero avere giusto il peso di un lamento senza via d’uscita. In questa realtà dunque, che potrebbe essere il cuore vivo della mente, o la separazione di essa dal corporeo – così l’ “empire” sarebbe divino – , le suggestioni del passato, che sia reale o no, contorcono puntualmente il presente, e inondano il futuro paralizzandolo in una dimensione fissa eppur mutevole. Ciò che resta è un flusso di analogie, e un avanzamento a spirale per mezzo di brevissimi istanti epifanici.

Questa compresenza d’ogni tempo, e d’ogni spazio, richiama alla memoria (memoria! non a caso) il film di Resnais “L’anno scorso a Marienbad”, del 1961, nel quale si accoglie l’idea che il tempo mentale sia solo il presente. Ma tutto ciò qui prende forma con un gusto estetico senza pari, che ammicca apertamente, e in maniera gratificante, a certe immagini stucchevoli dell’orrore dell’Overlook Hotel di Kubrick. Accade allora che gli uomini con maschere animali, che sarebbero comiche fuori contesto, nella scena con camera fissa e colori fiabeschi acquistano, e rendono, effetti terrificanti. Così anche un certo sapore di sesso in sottofondo, come una pulsione trattenuta eppure fondamentale ad ogni procedimento di conoscenza e accrescimento di coscienza, precisa il suo debito ad alcune atmosfere della villa di “Eyes Wide Shut”, finchè le donne, tutte le donne del film tranne la vecchia iniziatrice, si mostrano puttane di professione.

 

L’architettura dell’opera potrebbe essere avvicinata alle costruzioni impossibili di Escher, o al nastro di Möbius, per la distorsione della percezione che introduce ad un luogo non-luogo. Tuttavia la tenuta di Lynch sembra essere molto più di stomaco, di senso che conquista la mente, di succo gastrico che palpita in vece della trasmissione nervosa. Ed è alla luce di questo che invitiamo a frenarsi dall’interpretazione meccanica di ciò che non ci è chiaro. Perché non bisogna dimenticare che l’autore è il creatore: alle sue regole bisogna obbedire per la durata dell’attenzione che gli concediamo. E se al posto della linea retta e infinita egli ha messo mille e tortuosi segmenti di pochi millimetri l’uno, a quei segmenti si dedichi il nostro intuito. Ciò avvenga nel rispetto della specificità dei film di Lynch che invitano a instaurare un dialogo con lo spettatore in cui due sono le voci che si combattono. Fantasia e ragione. E dalle scintille di questa guerra si levano astri.

 

Per cui, rinunciamo a contare le stelle e abbronziamoci del loro tocco.

sbvsbs


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cinema lynch inland empire recensione

permalink | inviato da ciromonacella il 16/6/2007 alle 13:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre        gennaio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
mirada pirata
fantacucina
sport
cinèma
duende
televizione
'O Munaciell'
a lo mejor es un rincòn
Postero
Memorie del Munaciello

VAI A VEDERE

CINEMA

Arriva La Bufera
Zodiac
Manhattan
Zatoichi
l'arte del sogno
Hannibal Lecter
club silencio 1
club silencio 2
inland empire
Hero
NuovoMondo
L'ultimo bacio
spielberg
slevin
domino
sucker free city
amoresperros
prime
broken flowers
a straight story
filologia germanica zombie
volver
codice da vinci
guantanamera
hostel
crash
inside man: la 30° ora
il caimano
la promessa
Babel
Munich
Confessioni di una mente pericolosa
Bregovic
l'amico di famiglia
everything is illuminated
il diavolo veste prada
little miss sunshine
Le vite degli altri
Le conseguenze dell'amore
saturno contro
arthur e il popolo dei minimei
the departed
Crocevia della morte
blood diamond
Come Harry divenne un albero
Vertigo
le avventure acquatiche del capitan Zissou
Il mercante di pietre
Frankenstain Junior
Bobby
New York stories
Apocalypto
Le regole dell'attrazione
I falchi della notte



scrivimi qua:
mooncium@libero.it



da Libmagazine
No Country For Old Men
Sogni E Delitti: to kill or not to kill
Caos Calmo
Irina Palm, vedova delle pippe
Into The Wild
Eastern Promises
La Ragazza Del Lago
Tv-Days
Paranoid Park
L'uovo di natale
Il Beowulf del pc di Zemeckis
Niente è come sembra. L'artista e il pubblico.
Pornografia ed erotismo
Un trip da Don Chisciotte al Dr. Gonzo
Il superomismo di Danny Boyle
La festa del cinema non può accecarci
Planet Terror
Venezia, l'abboffata di ogni Crono
Il buio nell’anima
Il vortice della vita non è così asciutto
Sognando un altro sogno
Il controtempo di Kitano
Flags of our fathers
The Good Shepherd
Morricone, l’omino della musica
Saw 3, so bad
300, la levata dei figli di Serse
Inland Empire
L’ultimo re di Scozia

Clicca qui per
le mie vignette


Blog-roll

Agiamo

Aioros

Alcestis

Alterego

Angolo Di Bolina
Angolo Sbocco
Arciprete

Aronne

Arrabbiato

art.2

Baol

Barbara

Bazar

Blogodot

Bloggerperfetca

Buraku (yoshi)

Ciechielefante
CuncettaMente
Desaparecidos

Diderot

Eco di sirene

Eginone

Espressione

Formamentis

Francesco Nardi

Galatea
Giorgiodasebenico

Heartprocession

Ioguido

Jimmomo

KK

Kulturadimazza

Makia

Malvino
Marcoz

Metilparaben

Miss Welby
NickFalco

Nic Pic
Numerabile

Pasqualedigennaro

Pensatoio

PDN

Poldone
Raccoon

Raissa

Raser

Rip

Sannita

Ugolino

Unaperfettastronza

100e500mhz

         Videos 

Le favolette Dell'Elefantino
  
              clicca sull'immagine


        La Bomba

  
      clicca sull'immagine


       Alta Marea
 

      clicca sull'immagine


    La Rossa in Rosso
  
 
     
clicca sull'immagine 

     Guido Guidacciu
  
  
               clicca sull'immagine!

       God, d'oro
  
               clicca sull'immagine!
         
      Fumettini
    
  Prima parte
Italia-Francia

           clicca sull’immagine!
 


Seconda parte Italia-Francia

       clicca sull’immagine!


    
  
 



Disclaimèr
Parliamoci chiaro. Questo blog non è un albergo né un giornale. Non è una carta, non è giornaliera né qualcosa da mangiare. Questo blog rappresenta l’offesa della tecnica all’uomo, e viceversa. Non è me, non è il munaciello che vi parla, non è me che vi dico, anche perché voi non esistete che in certe vecchie cartoline. Io e  te non esistiamo e, soprattutto, non coincidiamo. Quindi nel caso in cui tu avessi qualche soddisfazione da chiedermi per cose che ho detto o fatto a te o a qualsiasi tua parente di gradevole aspetto, non hai che da dadà darmi appuntamento domattina all’alba – facciamo alle cinque che prima delle cinque la gallina non fa l’uovo e posso mai duellare a stomaco vuoto? – dietro la chiesa abbattuta e sconsolata. Oppure mi chiedi con urgente violenza di rimuovere, ed io, che so intendere senza mercanteggiare, rimuorrò.

Stesso discorso vale per le immagini, le foto, e soprattutto per le cose che non capisci. E per quelle che non capisco io. Stesso discorso non vale invece per le sparatelle dei commentatori. Quindi altro discorso:



 

Technorati Profile

CERCA